Elogio funebre di Daniello O'Connel

Front Cover
1847
0 Reviews
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 106 - Nunc dimittis servum tuum, Domine, secundum verbum tuum, in pace : quia viderunt oculi mei salutare tuum : quod parasti ante faciem omnium populorum : lumen ad revelationem gentium, et gloriam plebis tuae Israël.
Page 76 - Chiesa cattolica avca veduto, a nome e dagli apostoli della libertà, imprigionati i suoi pontefici, dispersi i suoi ministri, distrutti i suoi altari, profanati i suoi tempii, violate le sue vergini, usurpate le sue sostanze, aboliti i suoi chiostri, screditate, manomesse le sue dottrine, le sue leggi, il suo culto, le sue istituzioni; poiché infine in quell'epoca funesta la libertà camminò sempre in compagnia della bestemmia e del sacrilegio; così cominciossi a riguardare come la nemica necessaria,...
Page 104 - ... essenzialmente dispotico, rinunziano all'elemento cristiano essenzialmente libero perché caritatevole, e non vorran sapere della dottrina della libertà religiosa dei popoli, e della indipendenza della Chiesa, che formò la sicurezza e la gloria dei loro maggiori; la Chiesa saprà far di meno anche di loro; si rivolgerà forse alla Democrazia; battezzerà questa Matrona selvaggia; la farà cristiana, come già fece cristiana la Barbarie...
Page 1 - N^àosì dunque i giorni, oggetto de' nostri desiderii e delle nostre allegrezze , si son cambiati in argomento di dolore e di lutto ! Egli è fra noi venuto ; ma ahi ! non quale si aspettava da noi ; Conversi sunt nobis dies votorum nostrorum in lacrymas; siquidem nobis non qualis sperabamus...
Page 70 - Corinlh. 5j\ 49. Perciò, intendiamolo bene, miei cari fratelli, questa vera libertà esce non già dalle orgie clandestine della ribellione , ma dal Santuario ; germoglia dalle dottrine non già della filosofia , ma della Religione. La libertà è la radiazione pacifica della verità, come la servitù è il lampo funesto dell'errore. Non può perciò ottenersi sincera e pura che dalla Chiesa in cui solo si ritrova sincera e pura la verità. Come dunque è stata la Chiesa che ha sostenuta la libertà...
Page 101 - Francia e dell'Allemagna, si è ripetuta con un eco sonoro in tutta l'Europa; ha guadagnate le Università, è entrata nei gabinetti, è penetrata nel Santuario; e, solo all'eresia ed all'errore funesta, dove ha prodotto, dove ha preparato i più brillanti trionfi alla verità. 68. Infatti, in faccia a questa dottrina della indipendenza della coscienza dal Potere civile, e quindi della libera discussione in materia di religione...
Page 103 - Potere civile un domina universale; poiché lo ha persuaso a tutte le menti, lo ha impresso in tutti i cuori, e lo ha fatto adottare, gustare ai più zelanti, ai più pii fra i Pastori della Chiesa; questo principio non può più cadere in obblio. Acquisterà forza per la stessa resistenza che vi si vorrà opporre , trionferà di tutti gli ostacoli, e farà trionfare la Religione. E guai, guai ai governi che credessero ancora di poter fare del dispotismo religioso nel secolo decimonono, dopo la grande...
Page iv - O'Connell è stata di avere egli solo rivendicata, la libertà religiosa e civile della sua patria per mezzo di una rivoluzione pacifica, una delle più grandi che rammenti la storia. La gloria di O'Connell è stata l'aver fatto trionfare la libertà per mezzo della religione, e la religione per mezzo della libertà.
Page 21 - Se qualcuno, a voce bassa si avvisava, coll'antico tuono di sagrilego insulto, di dirlo Papista, rivolgendosi tosto contro di lui , intrepido ripigliava: « Miserabile! credendo, nel così chiamarmi, di farmi ingiuria, mi onori. Sono Papista e me ne glorio. Perché...
Page 27 - Fatalismo musulmano e infedele, l'altro del Razionalismo ereticale. Ma ahi che questi rimedii sono peggiori del male che con essi si pretende guarire! Il sistema della Ubbidienza passiva, ossia di una rassegnazione inerte a tutto ciò che il potere vuoi fare di un popolo, lascia all'arbitrio di un tiranno non solo le sostanze, l'onore e la vita del suddito, ma ancora la sua intelligenza, il suo cuore, la sua coscienza, il suo pensiero, la sua ragione, il suo volere: tutto ciò che l'uomo ha di più...

Bibliographic information