Page images
PDF
EPUB

fecit multa; erant quidam Christiani, qui non poterant facere quod Petrus, nec quod faciebat Simon, sed interim gaudebant, quia nomina eorum scripta erant in coelo.

4. Gregorius pr. dial. Vitae vera existimatio in virtute est operum, non in ostensione signorum.

5. Idem 20. moralium. Probatio sanclitalis non est signa facere, sed proximum ut se diligere, de Deo vera, de proximo meliora, quam de se ipso, sentire.

6. Chrysost. in homilia. Neque fides, neque miracula valent, bona vila non existente.

De difficultate virtutis.

1. Salis dictum est de operatione secundum virtutem, nunc ullimo dicendum est, ulrum operalio secundum virtulem sit difficilis, vel facilis; et primo quod videtur difficilis.

2. Matthaei 7. Intrate per angustam porlam.

3. Gregorius sup. Ezech. Satis angustum est omnia praetermillere, Deum solum diligere, prospera non ambire, adversa non timere.

4. Seneca 7. de natural. Difficile inventa est virtus; ducem rectoremque desiderat; sine magistro vilia discuntur.

(1) Sucitare e risucitare dice ancora la nostra plebe per suscitare e risuscitare; ma non si scrive.

(2) Peso, stima, considerazione; il verbo invece del

nome.

citò (1) il morto; Simone mago in quello tempo fece molte cose. Erano certi Cristiani, i quali non potevano fare quello che faceva Piero, nè quello che faceva Simone; ma solamente in questo s'allegravano, che i nomi loro erano scritti in cielo.

4. Gregorio nel primo del dialago. Lo vero pesare (2) della vita è nella virtù dell'opera, e non nel mostrare (3) de'miracoli.

5. Gregorio nel vigesimo de' morali. Lo provamento della santità non è miracoli fare, ma il prossimo come sè (4) amare, di Dio sentire lo vero, e del prossimo stimare meglio che di sè.

6. Grisostomo in homilia. Nè fede nè miracoli vagliono, se non v'è la vita buona.

CAP. V.

Della malagevolezza o leggerezza di vertude.

1. Assai avemo detto d'operazioni secondo virtude; ora ultimamente diremo, se operazione secondo virtù è malagevole o leggiere: e primamente puole parere che sia malagevole.

2. Nel Vangelo di Matteo dice Cristo: intrate (5) per la stretta porta.

3. Gregorio sopra Ezechiele. Assai è stretta porta tutte cose lasciare, solo Dio amare, prosperità o altezza non cercare, avversità non temere.

4. Seneca, septimo de naturalibus. Malagevolmente si truova virtù; guidatore e viaggiatore ci bisogna; e sanza maestro s'appara pur viżj.

(3) Mostramento.

(4) Come se medesimo.

(5) Latinismo, per entrate; digusato.

5. Aristot. 2.eth. Culpa mullis modis contingit; dirigere animum, uno modo; ideo hoc quidem facile est, hoc autem difficile.

6. Ibidem. Difficile est bonum esse, in unoquoque enim medium accipere difficile; verbi gratia, circuli accipere medium non omnís, sed scientis est.

7. Auctor. E contra videtur quod facilis.

8. Matthaei in Evangelio. Jugum meum suave est, et onus meum leve.

9. Gregorius 4 moralium. Quid grave mentis nostrae cervicibus imponit qui vitare omne desiderium, quod perturbat, praecipit? qui declinare laboriosa mundi huius ilinera monet?

10. Hilarius sup. Matth. Quid jugo ipso suavius? quid onere levius? probalum fieri, scelere abstinere, bonum velle, malum nolle, amare omnes, odisse nullum, aeterna consequi, praesentibus non capi, nolle inferre alleri quod tibi perpeti sit molestum.

11. Seneca de ira libr. 2, Non, ut quibusdam visum est, arduum in virtutes, et asperum iler est; plano aditur; multo difficilius est facere ista, quae facitis. Quid est animi quiele otiosius? quid ira laboriosius? quid clementia remissius? quid crudelitate negotiosius? Vacat pudicitia, libido occupalissima est; omnium denique virtutum tulela facilior, vilia magno coluntur.

12. Idem ad Lucilium. Quid est, quod ab homine ratio exigit? rem facillimam, secundum naturam vivere.

(1) Nel cerchio.

(2) Al collo, sul collo.

(3) Per via piana, agevole.

5. Aristotile nel secondo dell'Elica. Lo peccare addiviene in molti modi; lo diritto operare solamente in uno modo: però questo è malagevole, e quello è leggiere.

6. Aristotile ivi medesimo. Malagevole è essere buono, perocchè in ogni cosa è malagevole pigliare lo mezzo; siccome nel tondo (1) non può trovare ogni uomo lo mezzo, se non quegli che n' ha la scienzia.

7. Autore. Per contrario puote parere che sia leggiere. 8. Nel Vangelo di Matteo dice Cristo: lo giogo mio è soave, e'l peso mio è lieye.

9. Gregorio nel quarto de' morali. Quale grave cosa a collo (2) ci pone colui, che comanda di schifare ogni disiderio lo quale perturba noi? e colui che ammonisce di lasciare ogni faticosa via di questo mondo?

10. Ilario sopra Matteo. Qual cosa è più soave chè quel giogo? qual è più leggiere che quel peso? diventare approvato, astenersi da malvagità, ben volere, mal non volere, amare tutti, odiare nessuno, l'eternalf cose acquistare, delle presenti preso non essere, non volere fare altrui quello che sarebbe molesto a te?

11. Seneca, secondo de ira. Non è, come ad alcuno parve, dura e aspra la via delle virtu; per piano (3) vi si va; molto è più malagevole di fare queste cose che voi fate. Qual cosa è più quieta che il riposo dell'animo? Che è più faticoso che l'ira? Quale cosa è più posata che benignitade? Qual'è più occupata (4) che crudeltate? Posasi (5) l'onestade; lussuria occupatissima è. Alla per fine osservamento di ciascuna virtude è leggieri (6): i vizj molta fatica e spesa richleggiono.

12. Seneca a Lucillo. Che è quello che addomanda la ragione dall'uomo? Una cosa leggerissima, cioè, secondo natura vivere.

(4) Più infaccendata, più piena di brighe.
(5) Si riposa.

(6) Leggiero, leggiere e leggieri, facile,

13. Auctor. Dici potest quod operatio virtulis sil difficilis in principio, postea vero facilis, et ulterius eliam delectabilis.

14. Gregorius sup. Ezech. Via Domini et inchoantibus angusta est, el perfecte jam viventibus lala; el dura sunt quae contra usum spiritualiter animo proponimus, el tamen onus Dei leve est posteaquam ferre coepimus.

15. Hieronymus ad Celantiam. Asperam nobis, et insuavem virtulum viam nimia facit vitiorum consuetudo, quae si in alleram partem transferatur, invenitur semita justitiae levis.

16. Bernardus ad Eugenium lib. 1. Primum libi importabile videbitur; ad processum temporis, si assuescas, judicabis non adeo grave, paulo post et leve senlies, paulo post etiam delectabil.

17. Aristot. 2.eth. Signum oportet facere habiluum supervenientem delectationem; quicumque recedit a corporalibus voluptatibus, et hoc ipso gaudet, temperatus.

18. Tullius in 4. novae reth. Optima vivendi ratio eligenda est: eam jucundam consuetudo reddel.

DISTINCTIO QUINTA.

De raris, et difficilibus.

1. Quoniam virtus rara est, et aliqualiter difficilis, ul supra ostensum est, ideo postquam dictum est de virlu

(1) A quelli che vivono perfettamente.

(2) Per parrd; voce della plebe.

(3) Antiquato, per usi.

(4) Giudicherai la, la giudicheral, come appresso sontirà la, sentirai la, la sentirai.

« PreviousContinue »