Page images
PDF
EPUB
[graphic]

2. Augustinus 2. de doct. Christ. Nemo ambigil, cum difficultate quaesita multo gratius inveniri.

3. Hugo de arca Noë. Tale est cor hominis, ut si quod diligit adipisci non valeat, ampliori desiderio inardescat.

4. Cassiodorus epist. lib. 9. Habet hoc humana conditio, ul celerius adepta, fastidio sint; omne pretiosum vilescit oblatum, et contra dulcius accipitur, quod sub aliqua dilatione praestatur.

5. Ibidem lib. 2. Solet facile labi quod sine difficullale poluit inveniri.

6. Aristot. 3. top. Magis amamus cum habemus quod non facile sumendum.

7. Idem 2. reth. Eius, quod abest, concupiscentia, et quo indigetur, hoc maxime desideratur.

8. Seneca ad Lucil. Multi aperta transeunt, condita, et obstrusa rimantur; furem signala sollicitant, vile videtur quidquid patet.

9. Ovidius sine tit. Quidquid servatur, cupitur (a) magis, ipsaque furem praeda vocat (b). golih 10. Prosperus. Ultro objectorum vilius est pretium.

(a) Il testo: cupimus.

(b) Il testo: cura.
(1) Gratamente.

(2) Diventa vile.

2. Agustino, nel secondo de doctrina christiana. Nessuno dubita che le cose con malagevolezza cercate sono poi più graziosamente (1) trovate.

3. Ugo, de arca Noe. Cotale è il cuore dell'uomo, che se quello che ama non può acquistare, allora s'accende a via più disiderarlo.

4. Cassiodoro, epistolarum libro nono. L'umana condizione ha questo, che le cose tosto acquistate gli sono in fastidio, e ogni cosa preziosa, s'ell' è offerta, avvilisce (2); e per contrario più dolce (3) è ricevuto quello, che con alcuno indugio è dato.

5. Cassiodoro, libro secondo. Suolsi di leggiere (4) lasciare ire quello, che sanza malagevolezza si poteo avere.

6. Aristotile, nel terzo della Topica. Molto di più amiamo, quando noi avemo quello che non fu leggiere ad acquistare.

7. Aristotile, nel secondo della Rellorica. Di quello che noi non avemo è la grande concupiscenzia, e quanto la cosa più ci bisogna, tanto più sommamente si disidera.

8. Seneca a Lucillo. Molti trapassono le cose aperte e cercano le nascose e rinchiuse; il furo (5) delle cose molto serrate si sollicita; vile pare ciò ch'è palese.

9. Ovidio, sine titulo (6). Ciò che si conserva e serra è più disiderato; come la preda chiama e invita il furo. 10. Prospero. D'ogni cosa profferta s'avvilisce il pregio.

[graphic]

(3) Dolcemente.

(4) Di leggieri, facilmente.

(5) Voce latina da fur, ladro; antiquato.
(6) Eleg. IV. Lib. III.

De difficultate et raritate cognoscendi se.

1. Quoddam specialiter rarum alque difficile posuerunt antiqui, se ipsum noscère. Unde similiter Dominus Apostolis ait.

2. Marc. 13. Videle vosmetipsos.

3. Augustinus 4 de Trinit. Laudabilior est animus, cui nota est infirmitas sua, quam qui, ea non respecta, vias siderum scrutatur, etiam cognosciturus eas, aut qui jam cognitas tenet.

4. Gregorius sup. Ezech. Scriptum quippe est: erunt homines se ipsos amantes, et scimus, quia vehementer claudit oculos cordis amor privatus.

5. Vincentius in specul. Theophrasti sententia fuit, amantium coeca esse judicia; unde quia homo se ipsum prae ceteris amat, caeca suum judicium facilius errat.

6. Aegidius de regim. princ. lib. 3. Homines, ut plurimum, decipiuntur circa se ipsos, et credunt se plus valere, et magis esse sapientes, el in negotiis plura videre, et magis loqui ad propositum, quam in veritate sit.

7. Bernardus de inter. hom. Mulli mulla sciunt, el se ipsos nesciunt.

8. Ibidem. Stude cognoscere te, quia mullo melior es, si le cognoveris, quam si, le neglecto, cognoveris cur

(1) Posono, dissono, ec. sono desinenze frequenti negli Antichi oggi si preferisce posero, dissero, ec.

(2) Il filosofo greco, Solone, Ÿvãdi osavтdy, nosce te ipsum.

CAP. III.

Della malagevolezza e radezza di conoscere
sè medesimo.

1. Una cosa speciale massimamente rada e sopra l'altre malagevole puosono (1) gli Antichi, che fosse conoscere sè medesimo. Onde eziandio Gesù Cristo agli Apostoli disse.

2. Nel Vangelo di Marco. Vedete e cognoscete voi medesimi (2).

3. Agustino nel quarto de Trinitate. Più lodevole è l'animo, dal quale è cognosciuta eziandio la 'nfermità sua, che quegli, il quale non mirandola cerca il corso delle stelle e briga (3) di saperlo, o vero che quegli che già lo sa.

4. Gregorio sopra Ezechiele. Scritto è: saranno gli uomini amanti di sè medesimi, e sapemo che amore privato ismisuratamente chiude l'occhio del cuore.

5. Vincenzio nello speculo: Sentenzia di Teofrasto fu, che ciechi sono i giudicj degli amanti; ondo imperocchè l'uomo ama sè medesimo più che gli altri, nel suo giudicio più leggermente s'inganna.

6. Egidio, de regimine Principum libro terzo. La maggior parte degli uomini sono ingannati di loro medesimi, e credono più valere e più savj essere, e nelle cose più vedere e più parlare al fatto (4) che non è la verità.

7. Bernardo, de interiori homine. Molti molte cose sanno; sè medesimi non sanno.

S. Bernardo, ivi medesimo. Studia (5) di conoscere te, e se tu ti conoscerai, tu sarai molto migliore e più

[graphic]

(3) Procura, s' ingegna.

(4) Al proposito.

(5) Studiati industriati,

J

sus siderum, vires herbarum, complexiones hominum, naturas animalium, et haberes omnium terrestrium et coelestium scientiam.

9. Basilius sup. Luc. 6. Quid autem vides festucam, etc. Videtur revera cognitio sui ipsius gravissima omnium.

10. Aristot. 2. magn. moral. Difficillimum noscere se ipsum.

11. Auctor. Non solum in particulari se noscere magnum est, sed eliam in communi scire quoad speciem.

12. Ambrosius sup. Beati immaculati. Quid est se noscere, nisi ut sciat unusquisque, se hominem ad imaginem et similitudinem Dei factum, rationis capacem, qui terram suam excolere tamquam bonus agricola debeat aratro quodam et falce sapientiae, ut vel dura findantur, vel luxuriantia recidantur, qui inferiorem sui portionem animi imperio debeat gubernare?

DISTINCTIO SEX TA.

De abstinentia.

1. Nunc agendum de virtutibus in speciali, et primo dicemus de quibusdam virtutibus, quae pertinent ad propriam perfectionem; secundo de pertinentibus ad civilem conversationem, et hoc in XIV. Distinctione. Circa primum, agendum primo de quibusdam virtutibus exterio

(1) Trascurando te.

(2) Del più aggiunto al superlativo abbiamo più esempj ne' primi scrittori; oggi non è usato.

« PreviousContinue »