Page images
PDF
EPUB

4. Ibidem. Hoc et magni animi et boni proprium est, non fructum beneficiorum sequi, sed ipsa.

5. Ibidem. Quid magnifici erit multis prodesse, si nemo deciperet? Haec est virtus, dare beneficia non utique reditura, quorum a viro egregio statim fructus perceptus est.

6. Ibidem. Si reddet aliquid, lucrum est, si non reddet, damnum non est.

7. Ibidem. Nemo beneficia in kalendario scribit, nec avarus exactor ad horam et diem appellat.

8. Ibidem. Melius apud ingratos jacebunt, quos aut pudor, aut occasio, aut timiditas (a) aliquantulum gratos polerit efficere. Ne cessaveris, opus tuum perage, et partes boni viri exequere.

9. Ibidem. Ingratus est adversus unum beneficium? adversus alterum non erit. Duorum oblitus est? tertium eliam eorum, quae exciderunt, memoriam reducet. Is perdit, qui cito se perdidisse credidit; at qui instat et onerat priora sequentibus, etiam ex duro, et immemori pectore gratiam extundit. Non audebit adversus multa oculos attollere.

10. Ibidem libro 4. Non est beneficium, quod in quaestum mittitur; hoc dabo, hoc recipiam; qui beneficium ut reciperet dedit, non dedit.

(a) II testo: imitatio.
(1) La parte, la causa.
(2) Che i.

conviene durare nel dare i beneficj, i quali se alcuno non gli dà, perchè non gli riceve, dunque gli diede egli per ricevere, e fece buono il lato (1) degl'ingrati, a' quali è laido lo non rendere.

4. Seneca, ivi medesimo. Questo è proprio di grande e buono animo non cercare lo frutto de' beneficj, ma cercare di fargli.

5. Seneca, ivi medesimo. Che grande cosa sarebbe fare pro a molti, se neuno t'ingannasse? Questa è la virtù, dare i beneficj che non debbiano ritornare; to frutto de' quali al nobile animo è incontanente ricevuto.

6. Seneca, ivi medesimo. Se uomo te ne renderà alcuna cosa, è guadagno; se non te ne renderà, non è danno.

7. Seneca, ivi medesimo. Niuno scrive i suoi beneficj nel suo quaderno, nè come avaro dimandatore a ora e di gli richiede.

8. Seneca, ivi medesimo. Meglio è che' (2) beneficj appo gl' ingrati giacciano, i quali o vergogna o agio (3) di servire o paura per alcun tempo gli potrà fare grati. Non cessare tu d'adoperare e compiere le opere di buono uomo.

9. Seneca ivi medesimo. É ingrato verso uno beneficio? verso l'altro non sarà. Hanne dimenticati due? lo terzo gli recherà a memoria quelli ch'egli avea dimenticati. Colui perde i beneficj che tosto se gli crede avere perduti, ma chi pure aggiugne i seguenti aʼ primi, eziandio del duro e dimentichevole petto trae grazia, perocchè l'uomo non ardisce contro a' molti beneficj alzare gli occhi.

10. Seneca, ivi libro quarto. Non è beneficio quello che per conquistare si manda (4): questo darò, e questo riceverò: chi beneficio per ricevere diede, non diede.

(3) Comodità, occasione.

(4) Che si manda per guadagno.

11. Ibidem libro 5. Propositum est optimi viri, et ingentis animi tamdiu ferre ingratum, donec fecerit gratum.

12. Auctor. Ipse Deus multa dat etiam ingratis.

13. Matth. 5. Solem suum oriri facit super bonos et malos, et pluit super justos et injustos.

14. Seneca 4. de benefic. Si Deos imitaris, da etiam ingratis beneficia; nam et sceleratis Sol oritur, et piratis patent maria.

De non improperando.

1. Non oportet autem dala improperare.

2. Eccles. 4. Cum dederis, ne improperes. Gloss. ibi. Datum offuscat qui improperat; imitare Deum, qui dat omnibus affluenter, et non improperat.

3. Terentius in Andria. Commemoratio quasi exprobratio est immemoris beneficii.

4. Tullius de amicitia. Odiosum sane genus hominum est officia exprobrantium, quorum meminisse debet is, in quem collata sunt, non commemorare qui contulit.

5. Seneca in proverb. Beneficium qui dedisse dicit, sibi reddi petit.

6. Idem 2. de benefic. Qui dedit beneficium taceat, narrel qui accepit.

7. Idem libro 4. Lacerat animum et premit frequens beneficiorum commemoratio.

(1) Vuoi.

(2) Corsari, in uso tra la plebe.

11. Seneca, ivi libro quinto. Priponimento è d'ottimo uomo e di grande animo tanto sostenere lo 'ngrato fino a che'l farà grato.

12. Autore. Esso Dio dà molte cose agl' ingrati.

13. Nel Vangelo di Matteo dice Cristo: lo sole suo fa Dio nascere sopra i buoni e irei, piove sopra i giusti

e gl' ingiusti.

14. Seneca, guarto de beneficiis. Se Dio e i Santi vuogli (1) seguitare, då eziandio agl' ingrati, chè a' malvagissimi si leva il sole, ed a' corsali (2) è palese il mare.

CAP. V.

Di non rimproverare.

1. Non si conviene i servigi e i doni rimproverare. 2. Ecclesiastico. Quando tu avrai dato, non rimproverare. E dice ivi la chiosa: lo suo dato guasta chi rimprovera: tu seguita Dio, lo quale, come dice santo Jacopo, dà a tutti abbondevolmente e non rimprovera.

3. Terenzio in Andria. Lo ricontare i beneficj che altrui l'uomo ha fatti, è quasi uno riprendere, come colui non se ne ricordasse.

4. Tullio, de amicitia. Odiosa generazione d'uomini è, che rimproverano i servigi, de' quali ricordare si dee colui, a cui sono fatti, ma non gli dee contare colui che gli ha fatti.

5. Seneca, in proverbiis. Chi conta il beneficio che ha dato, quegli lo raddomanda.

6. Seneca, secondo de beneficiis. Chi diè il beneficio, taccialo; ricontilo chi ricevuto l'ha.

7. Seneca, ivi libro quarto. Squarcia l'animo e molto prieme (3) lo spesso ricordare i beneficj che l'uomo ha dati.

(3) Gli Antichi si piacevano assai d'incorporare nelle parole l'I, dicendo brieve, grieve, triema, prieme, ec.

8. Idem libro 5. Ferae sequuntur beneficia non reposcentem; et ut gloria fugientes magis sequitur, ita fructus beneficii gratius respondet eis, per quos etiam ingratos licuit esse.

9. Idem libro 7. Qui beneficium dedit, praedicare non debet, nec jactare, nec gravis esse.

DISTINCTIO DECIMASEPTIMA.

De receptione et recognitione beneficiorum.

1. Dicto de datione beneficiorum, dicendum est de receptione et recognitione ipsorum, et circa hoc quatuor dicenda sunt.

2. Primo, quod recipiens debet aestimare dantis affectum.

3. Secundo, de memoria beneficiorum.
4. Tertio, de retribuendo benefacientibus.
5. Quarto, de retribuendo parentibus.

Quod accipiens debet aestimare dantis affectum.

1. Dantis affectum debet recipiens in datis attendere.

2. Ambrosius primo de offic. In beneficio plus animus, quam census operatur, magisque praeponderat benevolentia, quam possibilitas muneris.

(1) Gratamente.
(2) Corrisponde.

(3) Potestà.

« PreviousContinue »