Page images
PDF
EPUB

no.

3

Orbita, qua primum flecti de culmine cœpit,
Currigerum canthum libratim quemque tenebat,1
Resque refulgentes, solita superarier umbris,
Vincebant umbras, et fervere rura sinebant.
Tityrus hæc propter confugit et Alphesibæus 2
Ad silvam, pecudumque suique misertus uterque,
Fraxineam silvam tiliis platanisque frequentem:
Et dum silvestri pecudes mistæque capellæ
Insidunt herbæ, dum naribus aëra captant,
Tityrus heic annosus enim, defensus acerna
Fronde, soporifero gravis incumbebat odori,
Nodosoque piri vulso de stirpe bacillo
Stabat subnixus, ut diceret Alphesibœus.
Quod mentes hominum, fabatur, ad astra ferantur,
L'orbita allor, che a declinar dall' alto
Incominciò, dall' una all' altra parte
Tenea le rote eguali, e la splendente
Vampa, che vinta suol esser dall' ombre,
L'ombre vinceva, e fea bollir le ville.
Titiro e Melibeo, di sè e del gregge
Pietade avendo, rifuggir per questo
Nella selva di frassini, di tigli,
E di platani densa : e mentre l'agne
E le caprette in un miste e confuse
Si riposan su l'erba, e respirando
Van per le nari, qui Titiro il vecchio
A un sonnifero odor lasso attendea
Sotto l'ombra d'un acero, e appoggiato
Stava a un nodoso bastoncel, dal ceppo
Svelto d' un pero, perchè Alfesibeo
Pur favellasse, il qual si prese a dire:

Che l'alme umane agli astri, onde fur tratte
I corpi ad informar, faccian ritorno ;

'Era dunque il bel mezzo gior

2i. Magister Fiducius de Milottis de

Certaldo medicus, qui tunc morabatur
Ravenna.

3 Nel MS. frondi.

Unde fuere,1 nove cum corpora nostra subirent ;
Quod libeat niveis avibus 2 resonare Caystrum
Temperie cœli lætis, et valle palustri ;

Quod pisces coëant pelagi, pelagusque relinquant,*
Flumina qua primum Nerei confinia tangunt;
Caucason Hyrcanæ maculent quod sanguine tigres,
Et Libyus coluber quod squama verrat arenas,
Non miror; nam cuique placent conformia vitæ,
Tityre: sed Mopso* miror, mirantur et omnes
Pastores alii mecum Sicula arva tenentes,
Arida 5 Cyclopum placeant quod saxa sub Ætna.

Che ai cigni lieti pel temprato cielo,
E per la valle paludosa, piaccia
Empir de' canti loro il bel Caistro ;
Che uniscansi del mare i pesci, e quando
Ne' confini di Nereo entrano i fiumi,
Lascino il mar; che il Caucaso di sangue
Sozzin l'ircane tigri, e con sue squame
Che il libico serpente ari il terreno,
Stupore alcun non prendo, poichè suole,
O Titiro, ciascuno aver diletto

Di seguir ciò, ch'è al viver suo conforme :
Ma ben mi maraviglio, e meco tutti
Gli altri pastori siculi, che a Mopso
Gli aridi sassi aggradin de' Ciclopi

Là presso l' Etna. Avea egli detto, e in quella

'Dubito, se la virgola vada qui, o dopo nove, la qual parola non so nemmeno se abbia a prendersi per avverbio, o per nome. In qualunque modo, intendi sanamente; chè se Alfesibeo qui parla da Platonico, egli Dante parla da Cristiano per bocca di Beatrice nel canto IV del Paradiso e di Stazio nel canto XXV del Purgatorio. Alcuni però anche dei Padri della Chiesa, che pur abbominavano la sentenza di Platone, usa

6

rono talvolta simiglianti espressioni, solo per voler dire, che le anime nostre sono da Dio, e ritornano a Dio.

3

i. cignis. Caystrum, flumen Asiæ. Cum intrant aquam dulcem. Nerei, Dei marini.

Mopso è terzo caso richiesto dal verbo placeant.

5 Quia parvi lucri.

Mons Siciliæ pro Bononia ponitur.

4

Dixerat et calidus, et gutture tardus anhelo
Jam Melibus 2 adest; et vix, en, Tityre, dixit,
Irrisere senes3 juvenilia guttura, quantum
Sergestum e scopulo vulsum risere Sicani.5
Tum senior viridi canum de cespite crinem
Sustulit, et patulis efflanti naribus infit:
O nimium juvenis, quæ te nova causa coegit
Pectoreos cursu rapido sic angere folles?

Ille nihil contra: sed, quam tunc ipse tenebat,
Cannea quum tremulis conjuncta est fistula labris,
Sibilus hinc simplex avidas non venit ad aures; 7
Verum, ut arundinea puer is pro voce laborat,

Già caldo, e tardo per l'ansante gola
Melibeo sopraggiunge; ed ecco, o Titiro,
A stento pronunciò. Risero i vecchi
Al suono giovanil, quanto i Sicani
Trar veggendo Sergesto dallo scoglio.
Quindi il canuto crin dal verde cespo
Alzato il vecchio, a lui che respirava
A larghe nari, disse: O giovin troppo,
Qual mai novella occasion ti spigne
Ad affannar con si veloce corso
I mantici del petto? Egli a rincontro
Nulla rispose: ma com' ebbe unita
Alle tremule labbra la sampogna,

Che in man tenea, da lei giunse agli orecchi
Solo un semplice fischio. Quando poi
S'affatica il fanciul perchè dia voce,

1 s. Magister Fiducius.

i. ser Dinus Perini.

3 Nota qui il signor canonico Bandini: Olim senex, deinde correctum fuit senes.

L'istesso signor Bandini: ab eadem antiqua manu addita est præpositio e.

5 Siciliani. senior, s. Tityrus. canum, caput. Sustulit, elevavit. efflanti, s. Melibao. infit, dixit.

Per toglier l'ambiguo m'è paruto bene scriver quum, invece di cum, ch' era nel MS.

7 nostras, Tityri et Alphesibai. Verum, i. sed. ut, i. postquam.

[ocr errors]

(Mira loquar, sed vera tamen) spiravit arundo:

1

Forte sub irriguos colles ubi Sarpina Rheno. >>
Et tria si flasset ultra spiramina 2 flata,

3

Centum carminibus tacitos mulcebat agrestes

Tityrus, et secum conceperat Alphesibous.
Tityron et voces compellant Alphesiboi:
Sic, venerande senex, tu roscida rura Pelori
Deserere auderes, antrum Cyclopis iturus?

5

4

Ille: Quid hoc dubitas? quid me, carissime, tentas?
Quid dubito? quid tento? refert tunc Alphesibous,
Tibia non sentis quod fit virtute canora

6

Numinis, et similis natis de murmure cannis,

(Mirabil cosa narrerò, ma vera)

La sampogna mandò fuor questo carme :
« Viveami a pie degli irrigati colli: »
E se Titiro avesse oltre a tre soffi
Animate le canne, avria lenito
Con cento versi i mutoli cultori,
Come ben avvisossi Alfesibeo,

Il qual rivolto a Titiro con questi
Detti il rampogna: O venerando veglio,
Oserai tu lasciar le rugiadose

Campagne di Peloro, e del Ciclope
Girne allo speco? Ed ei: Di che paventi?
A che mi vai, carissimo, tentando?
Ripiglia Alfesibeo: Non senti come
Si fa la tibia per virtù del Nume,
Canora, e pari alle già nate avene
Dal mormorio, che palesò le sconce

'Principium Ecloga missæ a magi- fu corretto hæc. M' è piaciuta la primiera lezione.

stro Johanne.

2 i. carmina.

3 Quia 97 tantum sunt missa.

i. Bononiæ. Cyclopis, i. tyramni. Ille. s. Tityrus.

5 Nel MS. (come dice il signor canonico Bandini) prima era hoc, poi

de murmure, servi Mida. Ostendit Mopsum non habere laborem in carminibus bucolicis condendis, nisi sicut fistula pastorum cum pulsabantur dicebant: Rex Mida habel aures asini.

1

1

Murmure pandenti turpissima tempora1 regis,
Qui jussu Bromii 2 Pactolida tinxit arenam ?
Quod vocet ad litus Ætnæo pumice tectum,
Fortunate senex, falso ne crede favori,

3

Et Driadum miserere loci," pecorumque tuorum.
Te juga, te saltus nostri, te flumina flebunt
Absentem, et nymphæ mecum pejora timentes, 5
Et cadet invidia, quam nunc habet ipse Pachinus :
Nos quoque pastores te cognovisse pigebit.
Fortunate senex, fontes, et pabula nota
Desertare tuo vivaci nomine nolis.6

O plusquam media merito pars pectoris hujus
(Atque suum tetigit) longævus Tityrus inquit,

Tempie del Rege, il qual di Bromio al cenno
Del Pattòlo indorar potè l' arena ?
O fortunato veglio, non dar fede
Alla falsa lusinga, che ti chiama
Al lito dagli etnei sassi coverto.
Delle Ninfe del loco e del tuo gregge
Pietà ti prenda. Te lontano i nostri
Colli, le selve, i fiumi piangeranno,
E con meco le Driadi ancor temendo
Peggiori cose, e avrà l'invidia fine
Che lo stesso Pachino oggi ci porta :
Ne men sarà l'averti conosciuto
A noi pastor di doglia. O fortunato
Veglio, deh non voler le fonti e i paschi
Dal tuo nome immortal già resi illustri
Abbandonar. Titiro allor rispose:
O più che la metà di questo seno
Meritamente (e il proprio sen toccossi)

Quia habebat aures asininas.

2i. Bacchi. Pactolida (ma forse l'autore scrisse Pactoli) patronimicum. tinxit, quia fecit eam auream.

3 Nel MS. Etnee Potrebbe esser però anche Etnea.

4

S. in

quo nunc es. 5 Forte ne occidaris. Pachinus, mons Siciliæ.

6 Il signor canonico Bandini avverte Prius noles, sed postea correctum nolis.

« PreviousContinue »